ECCO LA NUOVA EMIGRAZIONE DEI GIOVANI ITALIANI (LAUREATI)

bandDi Roberto Menia

In uno degli scorsi numeri del nostro giornale ci eravamo occupati dei dati drammatici relativi alla decrescita demografica degli italiani. Il 2015 aveva segnato un preoccupante record all’ingiù, certificato dall’Istat, ovvero il dato più basso di bambini nati dall’unità d’Italia (1861, quando però la popolazione era meno della metà dell’attuale) ad oggi: 488.000 nuovi nati, 15.000 in meno dell’anno precedente, che deteneva il precedente primato negativo. Le morti, oltre 650.000, portavano l’indice relativo al 10,2 per mille, mentre quello di natalità è sceso attorno all’8 per mille.

A questo quadro sconfortante di una nazione che invecchia e si inaridisce, se ne aggiunge uno diverso, sul quale vogliamo soffermare la nostra attenzione, che è emerso dal rapporto “Migrantes” recentemente presentato a Roma. E’ in atto, in pratica, una nuova grande migrazione di italiani, in grandissima parte giovani e qualificati. In 10 anni si è registrato un +55% di italiani che sono andati a risiedere all’estero: in totale sono 4,8 milioni. 107 mila se ne sono andati nel 2015 (+6,2% in un anno): per il 50% giovani, per il 20% anziani. Le regioni capofila di questa nuova emigrazione sono proprio quelle che erano fino a dieci anni fa le locomotive dell’economia e della modernizzazione italiana: la Lombardia, con 20.088 partenze, è la prima regione in valore assoluto, seguita dal Veneto (10.374).

«A differenza dei 5 milioni di italiani che sono emigrati in Germania nel dopoguerra (e che per il 90% sono poi rientrati in patria) – ha osservato monsignor Gian Carlo Perego, direttore generale della fondazione Cei che si occupa di migrazioni – chi parte oggi non tornerà in assenza di nuove opportunità. Esiste un mondo giovanile in movimento che il paese non riesce più a intercettare: in Italia il 40% dei giovani è disoccupato e le nostre università sono al penultimo posto in Europa per numero di stranieri iscritti».

La verità è che paradossalmente l’Italia non è più attrattiva per gli italiani. Esportiamo giovani e laureati, inaridiamo la nostra nazione, non facciamo più figli e di fatto consentiamo che chi se ne va sia sostituito da immigrati che in gran parte non hanno le nostre radici culturali e religiose, generando di fatto situazioni di potenziale conflitto, crisi sociali e a breve di sfarinamento della nostra identità nazionale.

Al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che commenta la nuova emigrazione italiana come «segno di impoverimento» chiediamo: ma l’Italia ufficiale, quella del Palazzo, che fa? Noi, pur nella modestia dei nostri mezzi, vogliamo affrontare questa grande questione, parlarne con concretezza, immaginare risposte, rigenerare speranze: per noi e gli italiani tutti.

Fonte: Prima di Tutto Italiani Ottobre 2016

Annunci

PRIMA DI TUTTO ITALIANI: ON LINE IL NUMERO DI OTTOBRE, “BREXIT’S LIST”

prima-ott16-2Non bastavano gli europroblemi al di là della Manica figli del referendum sulla Brexit, per residenti e cittadini europei ormai definiti extracomunitari: adesso gli inglesi si occupano anche della geolocalizzazione degli studenti italianiBrexit’s list è in titolo di apertura scelto per il numero di ottobre di Prima di Tutto Italiani(scaricalo qui).

In quel questionario che di fatto ha schedato, in una veste poco simpatica, siciliani, calabresi e campani, c’è tutta la sciatteria di un Paese che ha smarrito la grandeur di una volta. Forse un paio di funzionari distratti (o asini in storia) non ricordano che da qualche decina d’anni l’Italia è una e indivisibile, non più vivisezionata in Regno di Napoli e delle Due Sicilie. Ma c’è dell’altro, di cui sarebbe utile parlare. Se fuori dai confini nazionali c’è ancora qualche buontempone che si diverte con simili scemenze un po’ è anche colpa di chi, in casa propria, fa poco per elevare la qualità del proprio Stato e della propria Nazione. Lavorare per costruire un’immagine, migliore e matura, dell’Italia e degli Italiani servirà anche a silenziare chi, dall’alto di un colonialismo passato e passatista, si scopre debole, senza idee e soprattutto fuori da quell’Unione che ha contribuito a formare. Grande segno dei tempi.

Da segnalare sul nuovo numero la riflessione di Claudio Antonelli sulla sterilizzazione della lingua italiana, il ricordo delle battaglie di Isonzo e Pasubio vergato da EnzoTerzi, l’intervista di Enrico Filotico al direttore del festival Elba Book Marco Belli e il fondo di Roberto Menia sulla nuova emigrazione di cervelli italiani.

(Scaricalo a questo link)

REFERENDUM, COME POSSONO VOTARE GLI ITALIANI ALL’ESTERO

comites2Per il referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, gli elettori italiani che si trovano temporaneamente all’estero devono comunicarlo al loro comune di residenza entro e non oltre il 2 novembre.

A loro e a tutti gli iscritti all’Aire aventi diritto al voto – che a loro volta non hanno scelto di votare in Italia (in questo caso il termine è scaduto l’8 ottobre) – arriverà il materiale elettorale per posta entro il 16 novembre. Chi non dovesse riceverlo entro il 20 novembre potrà richiedere il duplicato al consolato.