XIII CONFERENZA DEI RICERCATORI ITALIANI NEL MONDO: ECCO IL BOOK

Conclusa la Conferenza dei ricercatori italiani nel mondo, organizzata a Dallas lo scorso 1 dicembre, è il momento dei bilanci e dei prossimi obiettivi.

Per avere un quadro di insieme sul peso specifico dell’evento, dei singoli interventi e del clamore mediatico che ha ottenuto, ecco disponibile il pdf del book.

Cliccare qui per il book completo.

twitter@ctim_italia

Annunci

XIII CONFERENZA DEI RICERCATORI ITALIANI NEL MONDO

HoustonA Dallas si sono riuniti ricercatori italiani che risiedono ed operano nei vari settori all’estero. Diversi i collegamenti esterni, dagli USA all’Italia fino ad arrivare a Singapore. La manifestazione che è giunta alla sua tredicesima edizione è stata organizzata dal CTIM in cooperazione con il Comites ed il Consolato generale d’Italia a Houston.

L’evento ha ricevuto il riconoscimento e l’apprezzamento dal Governatore dello Stato del Texas Abbott, dal Sindaco della città di Dallas Mike Rawlings, i patrocini dal Senato della repubblica, dalla Camera dei Deputati, dal ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, dal Ministero della Salute, dall’Istituto superiore della Sanità, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dal Consiglio Generale degli Italiani all’ Estero(CGIE). In apertura dei lavori sono stati letti i messaggi di saluto ai partecipanti dal Presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, del Ministro della Salute, del Governatore del Texas e dal Sindaco di Dallas.

twitter@ctim_italia

XIII CONFERENZA DEI RICERCATORI ITALIANI NEL MONDO, IL MESSAGGIO DI MENIA

menia2di Roberto Menia

E’ per me davvero un onore e un piacere rivolgere il saluto del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo ai convenuti per la tredicesima edizione della Conferenza dei Ricercatori Italiani nel Mondo.

Non sono le parole spesso banali e scontate di ciò che si “deve” dire per esigenze di rito e protocollo: è invece l’espressione di un ringraziamento e di un pensiero, pronunciati quasi sottovoce, per la consapevolezza ed il rispetto a cui si è naturalmente indotti verso chi scala le vette e raggiunge i traguardi dello sviluppo scientifico, generando progresso e benessere per tutti.

Ho avuto modo di conoscere donne e uomini che lavorano nelle Università e negli Enti di Ricerca e che credono nella ricerca scientifica come missione etica al servizio del futuro del nostro Paese.

E so che lo stesso sentimento anima i tanti che inseguono la stessa missione lontani dall’Italia e la onorano in ogni angolo del mondo. Se è indubbio che il nostro Paese destini una quota troppo bassa delle sue risorse finanziarie alla ricerca e allo sviluppo, se è vero, anche e purtroppo, che il fenomeno della “fuga dei cervelli” non accenna a fermarsi o perlomeno decrescere, è altrettanto giusto considerare che nessuno li accoglierebbe se non fossero cervelli preparati e competitivi.

La ricerca italiana è infatti straordinariamente e sempre in prima linea, vivace, curiosa, vincente: oggi, attraverso questa Conferenza, lo state dimostrando ancora una volta. Grazie davvero per ciò che fino ad oggi avete saputo creare, grazie per quello che saprete mettere in campo per il futuro, grazie per la vostra testimonianza di italianità. Buon lavoro e buona fortuna!

twitter@ctim_italia