C.T.I.M.:Profondo dolore per la scomparsa del socio fondatore Enzo Centofanti

centofanti2Roma, 23 aprile 2013 – Giacomo Canepa, Presidente del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo, e Roberto Menia, Segretario Generale, esprimono le condoglianze più sentite alla famiglia per la scomparsa del loro caro Enzo.

Si tratta di una grande perdita per tutti coloro che lo hanno conosciuto. E’ stato fondatore con Mirko Tremaglia del CTIM e con lui ha condiviso la passione per gli Italiani nel Mondo, combattendo tante battaglie, confermando in tutti questi anni il suo alto concetto di Italianità e il suo grande amore per la Patria.

Anche se l’età avanzava, Enzo non è mai mancato a nessuna riunione, dimostrando attaccamento ai colleghi, agli Amici e soprattutto alla Comunità italiana d’America che, con sincera passione e grande spirito di servizio, amava rappresentare, conquistandosi negli anni il rispetto e l’ammirazione di tutti coloro che lo hanno conosciuto, anche di chi aveva posizioni politiche lontane dalle sue.

La scomparsa di Enzo Centofanti è una grande perdita non solo per tutti i membri del Comitato Tricolore, che riconoscevano in lui un Amico, ma anche per tutti gli Italiani residenti all’estero, che oggi, in questo momento di grande dolore, con affetto sono vicini alle figlie Michelle e Denise.
Ci rincuora pensare che da oggi Enzo, Mirko e tutti gli Amici che purtroppo ci hanno lasciato, continueranno dall’Alto a proteggere il CTIM.

Annunci

Cordoglio dal CGIE per la scomparsa di Enzo Centofanti

Care e cari Consiglieri,
la scomparsa di Enzo Centofanti colpisce ognuno di noi e tutto il CGIE.
Nel CGIE dal lontano 1991..Impegnato da sempre nella difesa degli italiani all’estero ed in particolare della comunità negli Stati Uniti.
Persona corretta, cordiale e rispettosa. Non dimenticheremo il suo spirito di parte, capace in ogni situazione di aprirsi al dialogo e al confronto.
Mancherà tanto, alla sua comunità, a tutto il CGIE e al suo CTIM.
Alla sua famiglia, le più sentite e partecipate condoglianze, al CTIM il più profondo cordoglio, mio personale e di tutte e tutti i Consiglieri del CGIE.

Elio Carozza

Morte Centofanti, Arcobelli: “protagonista dell’emigrazione”

(NoveColonne ATG) Roma – Grande lutto per il Ctim – Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo  – e per la rappresentanza degli Italiani all’estero: “E’ con grande tristezza che devo comunicare che a Philadelphia si è spento Enzo Centofanti”. A darne notizia è Vincenzo Arcobelli , coordinatore Comitato Tricolore Italiani nel Mondo Nord America, che in una nota scrive:

centofanti“Per me è  molto difficile scrivere in questo momento. Non è stato soltanto un mio amico, il  coordinatore Ctim, il  cons.del Cgie , è  stato di più  nella mia vita: un punto di riferimento importante. E’ stato – aggiunge Arcobelli – un grande protagonista dell’ Associazionismo dell’emigrazione(tra i fondatori e pres.della federazione Abruzzese, egli era originario di Ari provincia di Chieti ), della rappresentanza degli Italiani all’estero, della Destra . Dell’Italia quando a Philadelfia si parlava d’Italia – aggiunge –  si parlava anche di Enzo Centofanti, per tanti anni fu dirigente degli Uffici Alitalia in Pennsylvania”. “Enzo Centofanti era – scrive ancora Arcobelli –  un nostalgico della Destra Storica iscritto nel Msi  e poi An, collaboratore di Mirko Tremaglia , orgoglioso di essere stato un non cooperatore durante la sua prigionia in Africa. Nel 2009 si presentò ad Hereford in Texas –  un ricordo indelebile –  gli feci consegnare  una pergamena del Ctim all’interno della Cappella votiva”. Enzo Centofanti ha scritto – come ricorda Arcobelli – anche  un libro autobiografico “Out of Africa into America” completato 7 mesi fa. Classe 1923,  tra qualche giorno  il decano del Cgie e storico esponente del Ctim,  avrebbe compiuto 90 anni. “Tante le battaglie fatte assieme, – aggiunge Arcobelli – era un esempio: anche se a volte si accendevano le discussioni con gli avversari politici  alla fine si era amici e ci si abbracciava, era un ‘Gentleman’” . “Senza di Enzo ,alcuni Comites negli Usa – incluso Houston – non esisterebbero, in quanto fu la guida nel costituire le liste , nel coinvolgere gente più  giovane, nel fare verificare il numero degli iscritti all’Aire”. “Non sarà facile per me – conclude Arcobelli – a distanza di pochi giorni dalla dipartita di Giovanni Zuccarello suo grande amico ,il Ctim perde il creatore e l’anima del Movimento negli Stati Uniti, la collettività Italiana perde un grande combattente. Senza di lui non sarà lo stesso , anche se sono convinto – assicura – che seguiremo le linee guida ed i sani principi con cui la nostra organizzazione si identifica”.  Enzo Centofanti è nato nel 1923 ad Ari, in provincia di Chieti, è stato molto

Leggi il resto dell’articolo