Ctim contrario alla riduzione dei parlamentari eletti all’estero

mania 3Il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo esprime la sua preoccupazione è contrarietà all’ipotesi di modifica della legge elettorale per l’estero (presentata da FI M5S e Lega) emersa in commissione affari costituzionali del senato, che prevederebbe la riduzione del numero dei parlamentari da 18 a 12, 8 alla Camera e 4 al Senato.

Così il Segretario Generale Roberto Menia e il Presidente Vincenzo Arcobelli, che osservano:

“In primis vi sono dei dubbi di incostituzionalità, se si considera il rapporto non equilibrato di rappresentanza tra i cittadini italiani residenti all’estero e quelli in italia. Con la nuova proposta, per la Camera, il quoziente di rappresentanza se ad esempio è di 100.000 abitanti per deputato all’ estero è di quasi 500.000: cioè 5 volte in più.

Ancora una volta quando si parla di italiani residenti all’estero essi vengono negoziati al ribasso. Il CTIM ritiene che se è d’obbligo la discussione di riformare gli organi di rappresentanza parlamentare per renderli più efficienti, ciò non possa avviare a detrimento degli italiani all’estero e della loro rappresentanza. Un’ulteriore penalizzazione discriminatoria per i più dei 5 milioni di cittadini italiani residenti all’estero sarebbe vergognosa”.

twitter@ctim_italia

Annunci

LIMA, TORNA LA POLENTATA DEL CTIM

Una polentata per cementare comunità e valori italiani quella animata a Lima dal Presidente onorario del Ctim, arch. Giacomo Canepa.

Non solo il gusto di un prodotto tricolore, ma la consapevolezza che tradizioni, affetti, enogastronomia e italiani all’estero sono magicamente intrecciati e danno vita a giornate come quelle andate in scena in Perù.

IMG-20181126-WA0000

1968-2018 “PRIMA DI TUTTO ITALIANI”: 50 anni di Ctim a Roma

Loca fotoPRIMA DI TUTTO ITALIANI”: una vasta riflessione sul senso dell’identità nazionale, della sua difesa e della sua promozione, dentro e fuori i confini d’Italia.

Questo il tema della manifestazione che si terrà il prossimo 13 novembre alle ore 18 presso la Fondazione An, in via della Scrofa 43, a Roma per celebrare il mezzo secolo di vita del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo fondato nel 1968 da Mirko Tremaglia.

L’apertura sarà curata da Giuseppe Valentino, Presidente Fondazione An.

Poi saluti e testimonianze di Ricardo Merlo, Sottosegretario agli Affari Esteri con delega agli italiani nel mondo; Michele Schiavone, Segretario Generale del Cgie; Ignazio La Russa, Vicepresidente del Senato; Maurizio Gasparri, Senatore; Gianni Alemanno, già Sindaco di Roma.

Quindi gli interventi di Roberto Menia, Segretario Generale del Ctim; Vincenzo Arcobelli, Presidente del Ctim e consigliere Cgie; Massimo Magliaro, già Direttore di Rai International; Giulio Terzi di Sant’Agata, già Ministro degli Affari Esteri; Pietrangelo Buttafuoco, Giornalista e scrittore.

Modera Francesco De Palo, Direttore di Prima di Tutto Italiani.

“Si tratta di ripercorrere e reinterpretare le vicende ed il ruolo di un’associazione benemerita, nata nell’alveo della cultura e dell’impegno politico della destra italiana, che fece del conseguimento del diritto di voto per gli italiani all’estero la sua battaglia storica e vincente – osserva il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia –; oggi quella storia va celebrata e utilizzata come tramopolino di lancio per il futuro.”

E aggiunge: “Fuori dai nostri confini c’è un tesoro enorme: 5 milioni di cittadini italiani, 60 milioni di italiani oriundi, che conservano il nome e la lingua in ogni angolo del mondo. Più di 400 organi di stampa e tv, 100 istituti di cultura, 500 comitati della Dante, migliaia di esercizi commerciali, ristoranti, il made in Italy diffuso, oltre 100 miliardi di euro prodotti dall’altra Italia.

Spingiamola, allora, questa italianità di ritorno, come fatto fisico per alcuni, economico per altri, culturale e spirituale per altri ancora. E’ una battaglia che vale la pena di fare, tanto più oggi, di fronte al mondo globalizzato ed ai grandi fenomeni immigratori che ci investono e ci pongono alta la questione della difesa dell’identità italiana in casa e della conservazione e promozione della stessa fuori di casa. Temi su cui il Ctim si impegna, oggi, per i prossimi anni”.

twitter@ctim_italia