LE ISTANZE DEL CTIM (CON ARCOBELLI) ALLA PLENARIA DEL CGIE

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Alla scorsa assemblea plenaria del Cgie (dove è stato presentato il numero 207 della collana “Studi Emigrazione” dello Cser dedicato alla nuova emigrazione italiana) si è svolto il dibattito sulla nuova mobilità introdotto dal segretario generale Michele Schiavone.

Il Presidente del Ctim, Vincenzo Arcobelli, membro del Cgie, nel suo intervento ha sollecitato il patrocinio del Cgie per commemorazione della tragedia di Monongah ed ha ricordato il dramma sul lavoro del 25 marzo del 1911, quando in una fabbrica a New York morirono 146 persone di cui 123 donne e 23 uomini.

“Il responsabile del Comitato Tricolore del Molise Gianni Meffe – ha annunciato Arcobelli – sarà a New York il 6 di dicembre per consegnare una targa su questa tragedia e poi continuerà la missione a Monongah”.

Arcobelli ha poi rilevato la necessità di sensibilizzare la Farnesina e il ministero della difesa sul problema del monitoraggio e della conservazione dei cimiteri di guerra italiani all’estero, ribaendo come ad oggi manchi una risposta alla richiesta di intitolare una sala della Farnesina all’ex ministro per gli Italiani nel Mondo Mirko Tremaglia.

twitter@ctim_italia

Annunci

COLUMBUS DAY, A CHICAGO IL CTIM SFILA PER L’ORGOGLIO ITALIANO

chicago1Sfilare per testimoniare, per ricordare, per omaggiare e non per un anticipo di campagna elettorale, così come qualcun’altro forse ha inteso fare. Questa la direttrice di marcia che ha caratterizzato la partecipazione del Ctim in occasione del Columbus Day a Chicago, con il delegato Carlo Vaniglia regista della presenza, significativa e appassionata, del Comitato Tricolore tra bandiere italiane e americane.

“Ci siamo idealmente uniti alle altre organizzazioni italo-americane ed associazioni italiane ed ai rappresentanti dei Comites che credono nei valori della difesa delle tradizioni come il Columbus Day“, ha commentato il coordinatore del Ctim Nord America, Vincenzo Arcobelli.

“L’appuntamento di quest’anno, poi, riveste un particolare significato visti gli attacchi contro il Columbus Day a livello nazionale e le minacce di rimozione del monumento dedicato ad Italo Balbo a Chicago”.

chicago2L’apertura delle celebrazioni si è svolta con una Santa Messa presso la Chiesa “The Shrine of Our Lady of Pompei“, a cui ha fatto seguito la deposizione di una corona di fiori presso l’Arrigo Park, quindi l’inizio della parata da State Street, tra Wacker Drive e Van Buren. Infine presso la Casa d’Italia a Chicago si è svolto un ricevimento.

“Il peso specifico del Columbus Day – osserva il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia – oltre che in bandiere e coccarde, risiede nei nostri cuori e in quello del fondatore del Ctim, Mirko Tremaglia. Il rispetto per i connazionali all’estero, la dedizione alla causa di chi ha lasciato la Casa-Madre Italia devono essere le nostre stelle comete, rivendicando con orgoglio quanto fatto dagli italiani proprio negli Stati Uniti. A loro va il nostro pensiero – conclude – nella consapevolezza che chi intende cassare la storia con uno sbiadito tratto di penna, lascia solo che la propria mediocre ideologia sorpassi la ben più rilevante storia di popoli e Nazioni: quest’ultima sì indelebile e immortale”.

twitter@ctim_italia

RICORDANDO LA TRAGEDIA DI ADRIAN, ARCOBELLI: “IL PREZZO PIU’ALTO PAGATO DAGLI ITALIANI”

lutto”La tragedia di Adrian, rappresenta assieme a quelle di Marcinelle, di Monongah, e di tante altre accadute nelle varie parti nel mondo il prezzo piu alto pagato con il sacrificio del lavoro che appartiene all’emigrazione italiana”. Così il coordinatore Ctim Nord America e consigliere del Cgie, Vincenzo Arcobelli, in una missiva rivolta al Console d’Italia a Detroit, Maria Manca, al Presidente del Comites Circoscrizione Consolare di Detroit Domenico Ruggirello e al Sindaco di Adrian Jim Berryman.

Secondo Arcobelli 116 anni fa alla vigilia di Thanksgiving del 1901, due treni, n. 4 e n. 13 si sono scontrati vicino ad Adrian, Michigan togliendo la vita ad oltre 100 italiani, da poco sbarcati negli Stati Uniti per un lavoro ed un futuro migliore.

“Questa tristissima storia per più di un secolo è stata dimenticata, ma grazie alla documentazione recentemente scoperta le tombe delle vittime senza nome sono state localizzate. Un ruolo molto significativo è stato quello del Sindaco della città di Berryman”.

Lo scorso 16 Settembre si è svolta la cerimonia ufficiale, alla presenza delle autorità locali della città di Adrian, del Console Maria Manca, del presidente del Comites di Detroit Ruggirello e dei rappresentanti di diverse Associazioni ed organizzazioni Italo Americane. E’stata l’occasione per ricordare le vittime di quel disastroso evento, che vide il sacrificio di un centinaio di Italiani. Lo scultore Sergio De Giusti ha dedicato un opera che rimarrà per sempre nella città di Adrian per mantenere vivo il triste ricordo.

Inoltre per approfondire e conoscere nei dettagli la triste storia di Adrian, il Sindaco ha messo a disposizione il sito web: www.patronicity.com/train.

“A nome di tutto il Comitato Tricolore per gli Italiani nel mondo – conclude Arcobelli – desidero ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per organizzare la giornata di commemorazione, ed esprimo totale solidarietà alle famiglie delle vittime della tragedia di Adrian”.