CARO CTIM TI SCRIVO: LA GIOIA DEL PRESIDENTE CANEPA

Canepa[1]di Giacomo Canepa

Carissimi amici,
Sento il bisogno di farvi i miei piú sinceri auguri per i risultati delle elezioni dei Comites. Grazie al vostro professionalismo e volontá il nostro Ctim si e’ fatto sentire in ogni Continente. Chi diceva che il Ctim era morto, si dovrá ora mangiare le sue parole. Altro che morti, siamo vivissimi.
Ed e’ solo l’inizio, sono convinto, perché ci credo: diventeremo sempre piú forti. Con il vostro lavoro darete al nostro Ctim “il lustro” che attraverso i risultati che otterremo in ogni Comites dove sarete, fará sì che nelle prossime tornate saremo sempre piú vincenti.

Il nostro amato Mirko sará insieme a Bruno orgoglioso di tutti voi come lo sono io, come lo e’ il nostro Segretario Generale Roberto Menia, come lo e’ il nostro Coordinatore Centrale Carlo Ciofi, Giuliana, De Palo, e pure i nostri Parlamentari Caruso e Di Biagio. Sono felicissimo di essere il Presidente di un gruppo cosí compatto, laborioso, pulito e onesto.
Vi voglio bene! Grazie infinite!

Annunci

CTIM: CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DELL’AMBASCIATORE BRUNO BOTTAI

bruno bottai-2Si è spento ieri l’Ambasciatore Bruno Bottai, Presidente della Società Dante Alighieri. La sua scomparsa è una grande perdita per la nostra comunità nazionale perché la Società Dante Alighieri è sempre stata in prima linea nel contribuire alla diffusione di quella politica dell’italianità, così cara e fortemente sostenuta dal Ministro Tremaglia, costituendo un punto di riferimento universalmente riconosciuto da tutti gli Italiani in Patria e all’estero.

Il Presidente Giacomo Canepa e il Segretario Generale Roberto Menia del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo e tutti gli Italiani residenti all’estero esprimono le condoglianze più sentite per la scomparsa del Presidente Bottai che, con la sua professionalità e la sua grande dedizione al lavoro, ha saputo calamitare un forte interesse intorno alla nostra lingua, non solo da parte dei nostri giovani ma anche degli stranieri in tante parti del mondo.
Le sue iniziative, volte alla promozione e alla diffusione della lingua e della cultura italiane, hanno saputo rafforzare i già solidi legami tra le due Italie, da questa e dall’altra parte dell’Atlantico, entrambe fondate su comuni radici di valori e di idealità.

La camera ardente sarà allestita a Roma in Palazzo Firenze, Piazza Firenze 27, martedì 4 novembre dalle ore 10 alle 19. La cerimonia funebre si svolgerà mercoledì 5 novembre, alle ore 10, nella chiesa di S. Maria in Trastevere.