STEREOTIPI NEGATIVI PER PUBBLICIZZARE HAMBURGER: IL CTIM NON CI STA

spiegelDopo la copertina dello Spiegel di alcuni anni fa, ecco adesso anche un’azienda americana.

Una formale lettera di protesta è stata inviata alla atena di ristorazione commerciale americana di Hamburger, Wendys, per aver utilizzato in maniera negativa gli stereotipi italo americani etichettati come mafiosi, durante la una pubblicità televisiva del loro prodotto ” The Chicken Ceaser Salad” .

“In questo modo – osserva il Presidente del Ctim, Vincenzo Arcobelli – intendiamo continuare le battaglie del Ctim contro la contraffazione dei prodotti made in italy e contro azioni discriminatorie nei riguardi delle comunità italiane. In qualità di rappresentante eletto negli Stati Uniti per il Consiglio Generale per gli Italiani all’estero, supporto l’orgnizzazione Italo Americana OSIA che ha deciso di boicottare, tramite i membri iscritti, i ristoranti Wendys fino a quando non cancelleranno dalla loro programmazione televisiva di marketing e promozionale il filmato, e faranno pubbliche scuse”.

twitter@ctim_italia

Annunci

DA NAPOLI A DALLAS, CHI E’ IL RICERCATORE ITALIANO PIONIERE PER LO SCOMPENSO CARDIACO

schiattaImportante passo avanti per la ricerca. Da Napoli a Dallas, giovane italiano a capo di un team di ricercatori che ha idendificato un nuovo meccanismo responsabile dello scompenso cardiaco a frazione di eiezione preservata.

“Pochi mesi fa a Dallas durante la tredicesima conferenza dei ricercatori italiani nel mondo – osserva il Presidente del Ctim, Vincenzo Arcobelli – ebbi modo di conoscere il giovane ricercatore Gabriele Schiattarella, pieno di entusiasmo negli studi che stava svolgendo e che oggi mette a conoscenza del mondo scientifico i primi risultati a seguito di studi e test riguardanti lo scompenso cardiaco che rappresenta la prima causa di morte nel mondo occidentale per il quale ci sono poche terapie. Per me è motivo di orgoglio leggere i risultati della ricerca nella prestigiosa rivista scientifica Nature, e poter evidenziare l’ottimo lavoro del connazionale Schiattarella tra le eccellenze italiane nel mondo”.

twitter@ImpaginatoTw

A PALERMO LA RETE (CGIE) DEI GIOVANI ITALIANI NEL MONDO

CGIEPiù di cento ragazzi provenienti da diverse parti del mondo si incontrerannno a Palermo, dal 16 al 19 aprile 2019, per iniziativa del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), con la finalità di creare una rete di giovani italiani nel mondo.

Selezionati dai Comitati degli Italiani all’Estero (Com.It.Es.) e dalle Consulte regionali per l’emigrazione aderenti all’iniziativa, con l’intento di mobilitare tutte le comunità di italiani all’estero e rafforzare le reti istituzionali di rappresentanza di base, i delegati parteciperanno ad un evento di tre giorni e mezzo interamente pensato per renderli protagonisti del futuro del nostro paese e attivatori, nei loro territori di provenienza, di coinvolgimento giovanile e informazione a tutta la comunità.

Due giorni di innovative tecniche partecipative, per fare emergere speranze e progetti, un giorno di formazione per approfondire con esperti vari temi (reti di ricercatori italiani nel mondo, lavoro e mobilità, patrimonio artistico, nuove esperienze e opportunità legate alle famiglie expat, soft power, rappresentanza degli italiani all’estero) e una mattina per dialogare con le istituzioni e darsi degli obiettivi di lavoro e di impegno per l’anno a venire.