ELETTI ALL’ESTERO, FACCIAMOCI SENTIRE

Prima mar apr copia“Facciamoci sentire” è il titolo scelto per l’apertura del nuovo numero di Prima di Tutto Italiani,diretto da Francesco De Palo, dedicato agli eletti all’estero.

(Cliccare qui per scaricarlo)

“Lo abbiamo detto e scritto. Lo ribadiamo, con serietà e fermezza – si legge nel fondino del direttore – . Gli eletti all’estero non si toccano, non per un senso di astratto conservatorismo quanto per una reale utilità, frutto della legge simbolo della battaglia di Mirko Tremaglia. Cambiare per il semplice e vuoto gusto di farlo non produce risultati utili, ma solo tanto caos in un frangente in cui occorre invece ragione e logica.

Le proposte di legge approvate dal Senato (la C. 1585 cost. E la C. 1172 cost.) recanti “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” e quella C. 1616 “Disposizioni per assicurare l’applicabilità delle leggi elettorali indipendentemente dal numero dei parlamentari” sono la chiara strategia di chi vorrebbe diminuire la rappresentatività degli italiani eletti all’estero.

Qualche giorno fa nell’ambito delle audizioni per l’esame delle proposte, la Commissione Affari costituzionali ha svolto le audizioni di Valerio Onida, Presidente emerito della Corte costituzionale, e di Giampiero Di Plinio, professore di istituzioni di diritto pubblico presso l’Università di Chieti e Pescara.

Il Ctim lavorerà affinché venga conservata l’attuale rappresentanza parlamentare composta da 12 deputati e 6 senatori. E’la ragione per cui da questo foglio parte la richiesta ad associazioni, gruppi di interesse e rete degli italiani all’estero affinché facciano sentire la propria voce direttamente alla commissione Affari Costituzionali (raggiungibile agli indirizzi di posta elettronica brescia_g@camera.it, Presidente della Commissione; macina_a@camera.it relatrice del provvedimento)”.

Da segnalare sul nuovo numero il fondo di Roberto Menia sull’orizzonte del governo Conte, il Polemicamente di Francesco De Palo sui detenuti italiani all’estero “il nuovo impegno del Ctim”, la prima puntata del viaggio di Claudio Antonelli tra il cibo e il vino italiano in Canada, l’analisi su due temi di stretta attualità come la Via della Seta e la crisi in Libia.

(Cliccare qui per scaricarlo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: